Cosa sono e come funzionano le telecamere per auto Dashcam

Cosa sono e come funzionano le telecamere per auto Dashcam

Una “dash cam” è una telecamera montata in auto sul cruscotto frontale. Può essere facilmente fissata anche al parabrezza utilizzando un supporto a ventosa, oppure possiamo integrarla sullo specchietto retrovisore. E’ alimentata da batterie, oppure può prelevare l’alimentazione dal cavo proveniente dall’ accendisigari a 12 volt. Questa telecamera ha il compito di registrare tutto quello che accade frontalmente (ci sono anche cam a 360 gradi per auto) quando stiamo guidando, ma anche in fasi di parcheggio.

Le telecamere per auto sono disponibili in qualsiasi configurazione immaginabile, ci sono quelle singole o doppie montate sul parabrezza frontale e posteriore. Consentono in questo modo la registrazione simultanea davanti e diestro. Mentre le dashcam con risoluzione 1080p stanno diventando standard, esistono versioni a 720p molto economiche.

Ovviamente queste cam possono anche essere usate in moto. Non è raro vedere un motociclista con una telecamerina montata sopra il casco. Le fotocamere appositamente progettate per situazioni estreme, action cam, stanno lentamente iniziando ad occupare lo spazio che un tempo era riservato a costosi attrezzi sportivi / d’azione . Sia i ciclisti che i motociclisti si sono lamentati a lungo di quanto siano pericolosi i conducenti di auto e ora approfittano della possibilità di dimostrarlo filmando tutto quello che accade.

Perchè sono utili le dashcam

siamo già pieni di gadget elettronici, perchè acquistarne di nuovi. Di telecamere ne abbiamo molte, compresa quella che si trova sul cellulare. Diciamo che il filmato della fotocamera può essere utilizzato per tanti tipi di cose divertenti e positive: dalla condivisione di video a scatti di bellissime auto e paesaggi.

Ma è soprattutto un altro l’aspetto che interessa agli automobilisti. Queste telecamere per auto hanno conosciuto un gran successo in quei paesi dove le truffe degli incidenti sono numerose. Possono essere utili in tal senso. Registrando a flusso continuo quello che accade in auto. Possono essere portate come prove, o meglio fanno prova i video realizzati, in caso di incidente.

Come funzionato

La maggior parte delle dash cam semplicemente si collegano all’alimentazione, si avviano automaticamente quando l’auto è in esecuzione e registrano i video su un archivio rimovibile (scheda miniSD). Quando si raggiunge il limite di archiviazione, il sistema inizierà a sovrascrivere i file più vecchi in un ciclo senza fine. Naturalmente, esistono versioni più sofisticate che geo taggano i file in modo da poter individuare la posizione di ciò che è stato registrato e anche monitorare la velocità, l’ora e la data per le registrazioni.

I sensori di urto possono persino etichettare le registrazioni al momento dell’impatto per garantire che non vengano sovrascritte in caso di collisione. Alcune cam sono in grado di lavorare in modalità standby e iniziare a registrare quando cìè una frenata piuttosto brusca grazie all’ uso di GSENSOR.  Pensa se qualcuno ti urtasse e poi scappasse in un parcheggio: il filmato potrebbe aiutare la polizia a rintracciare la targa.

Sono legali?

La legge in generale dice che le dash cam sono legali. Finché non stai violando la privacy delle persone non ci sono problemi. Non c’è alcuna ragionevole aspettativa di privacy mentre si è in pubblico, che è esattamente dove abbiamo le strade su cui si guida e si registra. In realtà, affermeremmo che ha il potenziale di semplificare il lavoro del poliziotto in un incidente.

I modelli consigliati

quelle cinesi da 50 euro fanno bene il loro lavoro, ma se volete qualcosa di professionale andate su marche come Garmin e Blackvue. Siamo intorno ai 200-300 euro ma ben spesi.

lucaesperto
lucaesperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *