Cinetosi da aereo, come combattere il mal d’aria? I rimedi naturali

Cinetosi da aereo, come combattere il mal d’aria? I rimedi naturali

La cinetosi da aereo è un problema molto grave da affrontare che sia un’ora o più ore di volo. Ma ci sono metodi e rimedi naturali per ovviare a questo problema?

Che cos’è la cinetosi da aereo

Prendere l’aereo non è solo bellissimo ma anche comodo, perché permette di raggiungere in pochissimo tempo ogni meta vicina e lontana in poco tempo. Con questo mezzo di trasporto nessun Paese è lontano e la vacanza inizia senza stress: purtroppo però non è così per tutte le persone che soffrono di mal d’aereo che passano quelle ore tra nausea, vomiti, dolori e grande sofferenza.

È risaputo che questo problema dia sempre un fastidio e diventa grave  quando si deve affrontare un viaggio – similare anche al mal di mare – , eppure ci sono degli accorgimenti che aiutano ad affrontare le ore di volo con serenità.

Ma prima di arrivare a questo è bene sapere nel dettaglio cosa si intende per mal d’aereo. Una terminologia generica che comprende tutte quelle che sono i malesseri che si manifestano ogni volta che si viaggia in aereo come:

  • Disturbi allo stomaco
  • Male alla testa
  • Ridotta ossigenazione
  • Nausea e vomito
  • Sensazione di debolezza
  • Sangue dal naso
  • Inappetenza
  • Naso chiuso
  • Dolori ai timpani
  • Orecchie tappate
  • Male alla schiena
  • Gambe pesanti
  • Freddo e bridivi
  • Problemi alla circolazione del sangue

Il problema principale risiede proprio nelle pressione in altezza nonché tutti i movimenti che il mezzo assume durante il viaggio: in quel momento l’organismo entra in confusione e alcune persone si sentono come dentro un vortice.

Mal d’aereo i rimedi naturali

Ma è possibile evitare tutta questa sofferenza? La prima cosa da fare è prevenire i disturbi mezz’ora prima che ci sia il volo aereo. Prima cosa è essenziale un pasto leggero, per poi portarsi dentro il mezzo dei crackers da mangiare ogni tanto per riempire lo stomaco. Evitare di bere troppa acqua in volo ma farsi preparare del tè caldo con il limone dallo staff, spiegando la propria problematica.

Un altro consiglio è quello di scegliere un posto vicino al finestrino così da “pensare ad altro” e comunque centrale così da percepire meno movimenti e vibrazioni. Preferibile avere la testa alta e non guardare alcun smartphone o tablet che possono favorire i giramenti di testa e nausea. Per i viaggi lunghi guardare anche un film proposto dalla compagnia con le cuffie, può aiutare a concentrarsi durante il volo.
Ci sono anche dei rimedi naturali che entrano in gioco per aiutare tutte le persone che soffrono di questi disturbi. Prima di tutto le gocce di zenzero che hanno ottime proprietà antinausea oppure – se si preferisce un altro gusto – gocce al limone. Non da meno la camomilla che entra in circolo e rilassa l’organismo in maniera totalmente naturale, idratandolo e senza appesantirlo.

Esistono in commercio anche delle pastiglie oppure chewingum alla menta che rallentano il fastidio e agiscono direttamente sull’organismo: chiedere consiglio al proprio medico di fiducia che in base ai sintomi saprà consigliare quale sia il rimedio naturale più adatto.

Medicinali per la cinetosi

Se il medico valuta che la cinetosi in questo caso sia notevole, potrebbe anche consigliare dei farmaci che sono stati studiati appositamente per il mal d’aereo e sono da assumere 30 minuti prima del decollo. Possono essere cerotti oppure piccole pastiglie che entrano in circolo dopo pochi minuti creando sonnolenza.

Altrettanto importante chiedere consiglio al medico di fiducia quando ai sintomi di cui sopra si aggiunge un importante male all’orecchio. Se si percepiscono dolori molto forti è il caso di sentire uno specialista del settore, perché in alcuni casi si riscontrano patologie particolari che sono da curare e sfociano proprio con il viaggio in aereo (la pressurizzazione dell’abitacolo fa emergere le problematiche che si possono avere all’orecchio).

Silvia
Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *