Come diventare fluente in inglese in poco tempo

Come diventare fluente in inglese in poco tempo

Come imparare l’inglese in poco tempo

L’inglese è forse una delle lingue più utili al giorno d’oggi, infatti in campo turistico o commerciale, la conoscenza di questa lingua può risultare un vero e proprio ‘salva vita’. Proprio per questo motivo conoscerla è davvero utile necessario!
A seconda che si parta da un livello basso o uno medio-alto di conoscenza, esistono dei metodi per renderlo più fluido e naturale.
Uno dei modi più efficaci per diventare fluente in inglese è viaggiare o fare esperienze di stage, Erasmus o tirocini all’estero.
Tuttavia non sempre e non tutti hanno la possibilità di vivere queste meravigliose esperienze, in questi casi l’alternativa migliore e non meno vantaggiosa, è quella di iscriversi a dei corsi specializzati. Il vantaggio offerto da questi corsi risiede nel fatto che possono essere seguiti comodamente da casa, senza il bisogno di spostarsi in altre città.

Errori da evitare

Esistono alcuni sbagli involontari che intralciano il corretto apprendimento della lingua, vediamo insieme i più frequenti:
1) Studiare l’inglese solo attraverso la teoria, escludendo la pratica. Infatti per diventare fluidi è necessario dedicare una buona parte di tempo anche alla parlata, non solo alla grammatica.
2)La paura di sbagliare: ricordatevi che non siete a scuola e nessuno valuterà o criticherà il vostro operato. L’unica cosa da fare quando si sbaglia, è capire l’errore per poi andare a correggerlo.
3)Non dedicare il tempo necessario all’ascolto. Per parlare adeguatamente non bisogna trascurare l’ascolto, oltre a permettervi di sentire esempi di vere conversazioni, vi aiuterà a migliorare notevolmente la fluidità e la pronuncia.
4) Concentrare tutto il processo di apprendimento in pochi giorni. Suddividere il lavoro e concedersi un giorno libero, vi aiuterà a memorizzare la lingua per un periodo di tempo nettamente superiore. Perciò è importante NON studiare cinque o sei ore al giorno per cercare di velocizzare l’apprendimento, perché l’unico risultato che si otterrà sarà quello di una memoria a breve termine.
5)’Bruciare le tappe’: lo sbaglio che commettono molti studenti è proprio quello di sottovalutare le basi. Il fondamento di una lingua è importantissimo, senza infatti sarà difficile, se non impossibile, apprendere l’inglese in modo corretto e soddisfacente.
6) Affidarsi solamente ad internet. Per quanto il mondo del web sia utile e completo sotto certi aspetti, è consigliato non affidarsi al 100% a tutto quello che si legge su Google. I libri o i dizionari sono fondamentali per l’apprendimento, perciò bisognerebbe cercare di integrare il cartaceo con il digitale.

Cosa leggere o guardare per migliorare il proprio inglese?

Per diventare fluidi e disinvolti in una lingua, uno dei consigli principali che vi avranno proposto almeno una volta, è proprio quello di leggere libri. Tuttavia per imparare gli idiomi tipici dell’inglese, sarebbe consigliato accingersi alla lettura di biografie, giornali o riviste di vita quotidiana. Infatti i romanzi, di qualsiasi genere essi siano, potranno sicuramente aiutarvi ad arricchire il vostro vocabolario, ma non vi daranno le competenze necessarie per affrontare una tipica conversazione con un madrelingua.
Mentre per quanto riguarda la visione di film o serie tv, si consiglia caldamente di preferire i documentari o le registrazioni di telegiornali, che in quanto tali, mostreranno degli esempi realistici di conversazione e usanze locali.
Da queste due semplici azioni, oltre che a rendere più fluido l’orale, si potrà migliorare anche lo scritto, prendendo degli appunti o delle annotazioni di quello che si legge e si vede, cercando di curare la grammatica e la sintassi.

Eleonora
Eleonora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *