Come rilassare un neonato durante la giornata

Come rilassare un neonato durante la giornata

Spesso capita che il proprio bambino quando è neonato, durante la giornata, abbia difficoltà a riposare o sia spesso irrequieto e nervoso, dovuto anche a delle circostanze che non gli consentono di riposare correttamente durante la notte. Ogni giorno si sentono coppie di genitori che si lamentano, perché i propri figli non riposano bene la notte e di giorno non riescono a regolarizzarsi in base ai ritmi di sonno e veglia, riportando conseguenze in generale sia a livello umorale che a livello pratico.

Per dare la possibilità al bambino di riposare correttamente durante la notte, senza rischiare di avere un sonno disturbato e poco rilassato, si ritiene necessario che il neonato sia tranquillo durante il giorno, evitando magari situazioni di stress o forte disturbo che potrebbero innervosirlo particolarmente.

Vediamo insieme una serie di consigli utili per neomamme e neopapà per far rilassare un neonato durante la giornata.

Consigli utili per far rilassare il neonato

Durante la giorno il neonato non deve essere iperstimolato, perché se non è tranquillo di giorno avrà difficoltà e conseguenze a calmarsi durante la notte, avendo problemi ad addormentarsi regolarmente. Questo fattore è importante specialmente nel caso in sui si parli di bambini che difficilmente si adattano alla vita svolta al di fuori dell’utero, perché presentano qualche difficoltà ad adeguarsi ai ritmi della vita normale.

L’importanza della posizione fetale

Per far rilassare un neonato che, come detto, ha problemi ad ambientarsi alla vita fuori dall’utero, si può fasciarlo in modo tale da ricreare la situazione e la posizione fetale che egli occupa all’interno dell’utero.

Quindi, si può avvolgere il neonato in un telo che tiene stretto e ben fermo il corpo bloccando le braccia e le gambe in quella posizione. A volte si pensa che bloccare il neonato in quella posizione possa infastidirlo, invece non è così anzi può rilassarlo perché si sentirà stretto e sicuro come quando si trova nell’utero.

I rumori bianchi

Un altro modo per far rilassare il neonato durante il giorno può essere quello di utilizzare i cosiddetti “rumori bianchi”, cioè quei rumori ripetuti e continuativi, come ad esempio il rumore del phon e della macchina, che quando assumono il carattere di ripetizione, diventano rilassanti per il bambino come fossero una sorta di melodia replicata. Oggi come oggi, non è necessario utilizzare lo strumento per fare il rumore, ma si può riprodurlo anche con l’ausilio di applicazioni installate sul cellulare, che riproducono i suoni naturali in maniera fedele e identica.

La temperatura dell’ambiente circostante

Un altro modo per far rilassare il neonato e quindi conciliare il suo sonno è controllare la temperatura della stanza o dell’ambiente dove si trova. Una temperatura adatta deve ripetere quella calda e confortevole dell’utero e sicuramente renderanno il suo stato maggiormente rilassante.

Altro fattore da non trascurare mai è verificare se il neonato ha la pancia piena, cioè se ha soddisfatto adeguatamente la sua sensazione di sazietà, perché quando il neonato ha fame e non viene sfamato solitamente si agita e non è rilassato. Per tale ragione è opportuno che sia sazio, così da essere anche tranquillo.

I Doudou Neonato perfetti per conciliare il senso di rilassatezza

Per conciliare lo stato di rilassatezza dei neonati, si può ricorrere anche a dei giocattoli di pezza come i Doudou: si tratta di un oggetto molto rassicurante che funge da ausilio per conciliare il sonno e il senso di tranquillità del neonato.

Può aiutare il bambino a separarsi piano piano dallo stato di attaccamento materno, in modo tale da non riportare traumi o danni che possano causargli stati di insoddisfazione o di fastidio.

Nello specifico questo peluche di pezza è formato da una piccola testa con la forma di un animale e al di sotto riporta un fazzoletto delicato e gradevole, che facilmente assorbe l’odore della mamma e permette al neonato di sentirlo quando lo stringe, così da trasmettergli la sensazione di vicinanza, in modo da sentirsi sempre coccolato e non da solo.

micheleesperto
micheleesperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *