Il Ficus Bonsai

Il Ficus Bonsai

Il Ficus Bonsai è uno dei bonsai da interno più diffuso ed apprezzato dagli amanti della coltivazione di questo particolare genere di piante in miniatura.
Appartiene alla famiglia delle Moraceae, diffuse soprattutto nelle zone climatiche tropicali e subtropicali.
Le specie più adatte alla coltivazione bonsai sono quelli a foglia piccola come il Benjamin, il Gingsen, ed il Retusa.

Cura del Ficus Bonsai

E’ un bonsai sempreverde, che vive bene all’interno degli appartamenti, poiché non richiede particolari condizioni e cure, se non il posizionamento in un luogo ben illuminato, lontano da fonti di calore e da spifferi freddi.
Vive bene anche all’aperto, dove manifesta una crescita maggiore accompagnata però da una riduzione della dimensione delle foglie, ma ciò è possibile solo da maggio a settembre perché quando le temperature scendono sotto i 10 °C è necessario riportarlo all’interno, in una zona molto illuminata, poiché teme il freddo.
Il Ficus Bonsai deve essere annaffiato durante tutto l’anno con frequenze variabili a seconda della stagione, più frequenti in estate e molto rade d’inverno.
In generale non richiede comunque molta acqua e preferisce il terreno asciutto rispetto a quello troppo intriso d’acqua, per cui, dopo una abbondante annaffiatura è consigliabile lasciar asciugare. Gradisce molto l’umidità sulle fronde, per cui è consigliabile la vaporizzazione delle foglie.
La maggior parte di Ficus Bonsai nel loro habitat naturale possono produrre delle radici aeree molto suggestive. Se le vogliamo ottenere anche nelle nostre case, sarà necessario riprodurre artificialmente delle condizioni di umidità quasi del 100% ad esempio con coperchi in vetro o miniserre.
Per avere il Ficus Bonsai sempre in buona salute è consigliabile, a partire dalla ripresa vegetativa tra Marzo ed Aprile, iniziare a concimare il terreno con un concime liquido da bonsai ogni otto dieci giorni, ed ogni quindici venti giorni da Settembre fino a Febbraio.

Potatura, filatura e rinvaso

La potatura del Ficus Bonsai è una delle attività più importanti da effettuare su di esso, in grado di conferirgli la forma desiderata e sfoltire i rami malati e secchi.
Questo tipo di pianta però mal sopporta la potatura drastica ed il taglio dei rami grossi poiché, nella maggioranza dei casi, se viene effettuata su rami di diametro superiore di circa 1/3 rispetto a quello del tronco principale, la ferita rimargina con difficoltà, e ciò a causa della tipologia del legno del Ficus.
Per rami di diametro inferiore invece, tutti i Ficus rispondono bene alle operazioni di potatura emettendo nuove ed abbondanti gemme in vicinanza della zona del taglio.
Due volte all’anno andrebbero rimossi i rami che si sviluppano verso il basso, verso l’interno e che si incrociano con altri.
Il rinvaso si effettua in primavera, ogni due anni per esemplari giovani, e ogni tre per esemplari adulti.
La filatura, per conferire particolari forme al tronco, non è molto consigliata, a causa della crescita molto veloce dei rami ed il rischio che il filo incida la corteccia.

micheleesperto
micheleesperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *