Come scegliere i semi per un prato verde

Come scegliere i semi per un prato verde

Per ottenere un bel manto erboso è necessario fare delle valutazioni riguardo l’esposizione, il clima, l’irrigazione e se verrà più o meno pestato.
In genere i semi per prato che si utilizzano per ottenere prati rigogliosi e resistenti sono quelli appartenenti alla famiglia delle graminacee: Poa, Festuca, Lolium e Agrostis.
Queste specie hanno la caratteristica di svilupparsi molto velocemente e presentano una buona resistenza ai frequenti tagli.
Il clima è molto importante poiché alcune produzioni erbacee sopportano meglio le temperature alte e la siccità, mentre altre avranno particolari problematiche in presenza di queste varianti climatiche.
Ovviamente, in base al tipo o alla miscela scelta, il costo per metro quadro cambierà: in genere il costo medio è di circa 0,30 € al mq.

Tipi di semi: caratteristiche

Per i terreni particolarmente aridi e i climi caldi, la Festuca risulta essere la categoria di semi più adatta.
Per chi non ama tagliare spesso il prato, la scelta può spaziare tra la Festuca Rubra e la Festuca Ovina che presentano una crescita abbastanza lenta.
Anche Agrostide non ha bisogno di frequenti tagli e il suo manto cresce denso e fitto rendendo la resistenza al calpestio di media intensità: nei giardini e prati viene usata particolarmente la varietà Agrostis Stolonifera.
Il prato all’inglese rappresenta il manto verde per antonomasia e per ottenerlo, la varietà di semi più utilizzata, è la Loietto.
Cresce molto velocemente, resiste bene al calpestio e si adatta a qualsiasi terreno, ma è una varietà che tende a soffocare tutte le altre, quindi, è meglio miscelarla con altri semi da prato.
Per ovviare alle note negative delle singole sementi, sono stati messi a punto dei mix che, grazie alle giuste percentuali dei componenti, sfruttano tutte le qualità dei vari semi: garantiscono un bel colore e sono più resistenti alle malattie.
Utilizzando le giuste tecniche di semina si otterranno dei prati particolarmente resistenti al calpestio e, grazie alla capacità di rigenerarsi, non creeranno quelle brutte zone di terra ed erba gialla.

micheleesperto
micheleesperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *