L’importanza del ritiro dei rottami

Lo smaltimento dei rottami garantisce il riciclo di tantissimi materiali, grazie a questa pratica le aziende riescono a ridurre l’inquinamento prodotto e a risparmiare molte materie prime.

I vantaggi

Le attività che si occupano del recupero dei rottami stanno sicuramente aiutando l’ambiente, preservando le risorse del nostro pianeta e facendo risparmiare molto sull’acquisto di materie prime, dato che anche se generati dalla lavorazione di scarti, possiedono una qualità ottima per la realizzazione di nuovi prodotti.

La raccolta di materiali ferrosi riguarda principalmente rifiuti di attività civili, industriali e commerciali. Grazie al riciclo è possibile evitare che questi materiali vengano dispersi nel nostro ecosistema, dove potrebbero provocare molteplici danni alla salute di animali, persone e anche rovinare terreni.

I materiali ferrosi possono essere riciclati un numero illimitato di volte, ciò comporta anche a una grande riduzione di rifiuti destinati alle discariche.

Come funziona?

Il recupero dei metalli viene di solito svolto da aziende apposite come Nevola, contattabile su www.nevolarottami.it. Nella maggioranza dei casi la procedura prevede prima di tutto la compilazione di alcuni registri che indicano il carico e lo scarico dei rifiuti, si tratta dei FIR (formulari identificazione rifiuti), dei documenti che contengono tutte le informazioni del rifiuto, come il produttore, il destinatario e il tipo di rottame.

Il FIR è redatto in 4 esemplari: compilato, datato, firmato e controfirmato. I FIR devono essere numerati e riconosciuti dagli uffici delle camere di commercio, la sua emissione è a cura del produttore. I rifiuti saranno rigorosamente pesati per indicarne il valore da cui dipenderà il pagamento del servizio, successivamente i materiali ferrosi verranno prelevati e trasportati in impianti che si occupano di riciclaggio e smaltimento.

Qui saranno sottoposti al controllo Geiger per assicurarsi dell’essenza di radioattività.

In queste strutture l’acciaio viene separato da altre tipologie di materiali per poi essere sottoposti a pulizia e frantumazione , infine verrà fuso per creare nuove materie prime da utilizzare per la creazione di nuovi prodotti.

Per rifiuti di grosse dimensioni come i fusti industriali, la procedura prevede una rigenerazione, sono sottoposti a delle operazioni che rendono nuovamente utilizzabili i contenitori.

Prima di tutto viene risanato nei bordi e si sistemano le ammaccature, successivamente viene pulito , si verificano le sue condizioni e vengono controllate le superfici interne per poi essere spazzolate e verniciate.

I fusti che si rivelano troppo rovinati sono destinati al riciclaggio come qualsiasi altro rifiuto metallico.

Per un preventivo basta recarsi al link sopra citato per trovare i contatti utili da utilizzare per chiedere informazioni sul tipo di lavoro e anche per chiedere un preventivo.

Il prezzo dei rottami dipende da molteplici variabili: materiali, tipologia, quantità approssimativa, luogo in cui si dovrebbe effettuare il ritiro.

Cosa offrono le attività di smaltimento

Per quelle industrie che producono un gran numero di rottami metallici servono degli aiuti per stoccare questo materiale in attesa del ritiro. Per assistere i clienti nel gestire questa situazione molte attività come quella della Nevola mettono a disposizione diversi contenitori per l’accumulo dei rottami: cassonetti, fusti metallici, container su misura.

Inoltre possono anche smaltire i rifiuti speciali (imballaggi in legno, materiali misti, carta e cartone, plastica) non pericolosi, aiutando così le aziende a liberarsi di questi materiali in poco tempo rispettando sempre le norme di sicurezza.

Mettono a disposizione anche del personale dedito ad aiutare i clienti tramite consulenza, aiutando a compilare documenti e offrendo tutte le delucidazioni possibili.

Un grande aiuto

Il riciclaggio dei rottami è dunque semplice e soprattutto fondamentale, sperando che queste realtà possano sempre migliorare ed essere a disposizione di tutte quelle aziende che non possono smaltire i propri rifiuti, dirigendo cosi la nostra società verso un mondo più pulito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *