App Immuni ultime novità, ecco come segnalare subito la positività al Covid

App Immuni ultime novità, ecco come segnalare subito la positività al Covid

L’app Immuni per il tracciamento del Covid ha superato la soglia dei 10 milioni di download in accordo con gli ultimi dati aggiornati da cui, tra l’altro, è emerso come tramite l’applicazione siano state inviate poco più di 95mila notifiche per un totale di 15.847 utenti positivi al coronavirus.

Su via libera da parte del Garante per la privacy, che è stato ottenuto nelle scorse settimane, ora l’app mobile Immuni si arricchisce di una nuova ed importante funzionalità per quel che riguarda la versione 2.4.0 che si può scaricare gratuitamente dal Google Play per i dispositivi con il sistema operativo Android, e dall’App Store per i dispositivi della Apple con il sistema operativo iOS.

Come si segnala la positività al Covid-19 utilizzando l’app Immuni

La nuova funzionalità che è stata introdotta nell’app mobile Immuni consiste, nello specifico, nella possibilità per l’utente di andare a segnalare in piena ed in totale autonomia la positività al Covid-19, e quindi senza l’intervento da parte di un operatore sanitario che prima era obbligatorio. In pratica il cittadino che ha l’app Immuni può ora segnalare la propria positività al Covid-19 andando semplicemente ad inserire il CUN, ovverosia il Codice Univoco Nazionale che risulta essere associato al risultato che è stato ottenuto dal tampone molecolare. Mentre l’operazione di segnalazione autonoma della positività al Covid-19, attraverso l’app Immuni, non è prevista per i test antigenici rapidi.

In questo modo, proprio attraverso l’inserimento tempestivo del CUN, attraverso l’app mobile Immuni sarà possibile far pervenire la notifica di positività al coronavirus ai cosiddetti contatti stretti, ovverosia a tutti coloro ai quali il cittadino si è avvicinato, e che a loro volta hanno attiva l’applicazione Immuni sul proprio dispositivo mobile. Oltre al CUN, inoltre, l’utente, nel segnalare in piena autonomia la propria positività al Covid-19, dovrà pure inserire la data in corrispondenza della quale sono apparsi i primi sintomi del coronavirus, nonché le prime otto cifre della propria tessera sanitaria.

Cos’è Immuni e perché è importante scaricarla ed installarla sul proprio telefonino

Immuni non è un’applicazione di diagnostica, ma di tracciamento come sopra accennato, così come non è obbligatoria la sua installazione. Pur tuttavia, l’applicazione Immuni nasce con l’obiettivo di contribuire alla riduzione del contagio da Covid-19 proteggendo se stessi e gli altri. Ed il tutto senza mai rinunciare al proprio diritto alla privacy.

La protezione della privacy è garantita da Immuni in base al fatto che l’applicazione da un lato rileva, segnala e determina che, ai fini del tracciamento del Covid-19, un contatto tra due utenti è effettivamente avvenuto, ma nello stesso tempo l’applicazione non raccoglie mai dati sensibili e quindi non è in grado di risalire all’identificazione dell’utente stesso tramite il nome, il cognome, la data di nascita o altri dati personali come il numero di telefono fisso o mobile, l’indirizzo di posta elettronica o l’indirizzo civico di residenza o di domicilio.

Lanciata nel mese di giugno del 2020, l’app mobile Immuni prima è stata sperimentata in quattro regioni italiane, ovverosia in Abruzzo, nelle Marche, in Puglia e nella regione Liguria, e poi è stata aperta all’utilizzo su tutto il territorio nazionale. Il punto di forza ed anche di debolezza di Immuni sta nell’installazione. In quanto l’efficacia del tracciamento del Covid-19 con l’app Immuni tende ad aumentare proprio in funzione del numero di persone che la scaricano e la installano sul proprio dispositivo mobile.

L’app mobile Immuni, inoltre, è un’applicazione per il tracciamento del coronavirus istituzionale, e senza fini di lucro, essendo stata sviluppata dal Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 in collaborazione non solo con il Ministero della Salute, ma anche con il Ministero per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione.

Silvia
Silvia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *